Oil pulling: Pulirsi i denti con l’olio di cocco

Cos’é oil pulling?

 

Oil pulling-olio di cocco
Origine: OMKAR A.V-Fotolia.com

Oil pulling è un’antica tecnica utile ad eliminare tutti quei batteri che, nel corso della notte, si vanno a depositare su lingua e denti.

 Questo avviene perché durante il sonno il nostro organismo attiva tutti i suoi meccanismi di disintossicazione. E cerca di eliminare sostanze di scarto del metabolismo e batteri respingendoli in zone esterne del corpo (com’è appunto la bocca) in modo tale da poterle espellere più facilmente al risveglio.

Importante però usare oli biologici e spremuti a freddo che una volta aperti vanno tenuti in frigo, in modo tale da conservare meglio le loro proprietà. La maggior parte degli oli hanno una scadenza molto a lunga, possono essere conservati fino ad’un anno dopo l’apertura.

Qual’é l’olio migliore da usare?

Io vi consiglio di usare l’olio di cocco. L’olio di cocco é naturale, non contiene fluoruro di sodio (che abbassa QI), non contiene solfati né derivati del petrolio, sbianca i denti e uccide i batteri. La scienza ufficiale sta riconoscendo i poteri ‘miracolosi’ dell’olio di cocco non solo per combattere la carie e rinforzare le gengive, ma anche come capace di debellare la Candida Albicans e altri funghi.

Questa che sembra una novità non è altro che una conferma per tradizioni millenarie come l’ayurveda che raccomanda l’olio di cocco per mantenere la salute e ripulire il corpo

Uno dei vantaggi principali dell’olio di cocco è che il 50% del grasso presente al suo interno è rappresentato dall’acido laurico, che si trova raramente in natura. Infatti, l’olio di cocco contiene acido laurico più di qualsiasi altra sostanza presente sulla terra. Il corpo converte l’acido laurico in monolaurina, un monogliceride che può effettivamente distruggere i virus rivestiti di lipidi come l’HIV e l’herpes, l’influenza, il morbillo, e i protozoi come Giardia lamblia.

Moltissime esperienze riportano come l’olio di cocco renda i denti più bianchi già con poche applicazioni e di come sanguinamenti gengivali, gengive deboli e problemi alla bocca siano scomparsi o diminuiti facendo degli sciacqui con l’olio di cocco.

Come usare l’olio di cocco

  • lavare i denti al posto del dentifricio. Metti un pò di olio di cocco sullo spazzolino e lavati i denti normalmente. Spazzola leggermente anche le gengive e la lingua. L’olio di cocco è un ottimo antibatterico ed antivirale, ti disinfetterà bene la bocca, farà avere un ottimo alito e sbiancherà i tuoi denti.
  • fare oil pulling: sciacquare la bocca con un cucchiaio olio di cocco crudo biologico, proprio come si farebbe con un collutorio. L’olio viene “lavorato” all’interno della bocca spingendo, e lavando i denti per un periodo di 15-20 minuti. Questo processo permette all’olio di eliminare i batteri, i virus e anche TOSSINE presenti nel corpo che tramite osmosi vengono richiamate nella bocca e catturate nell’emulsione dell’olio. E’importante di non ingoiare l’olio di cocco, ma sputtarlo!

Una Lettrice mi ha scritto le sue esperienze:

„Io mi sto facendo gli sciacqui da un po‘ di mese, devo dire che all’inizio non ero tanta soddisfatta dell idea di sciacquare la bocca con l’olio di cocco. Ma devo dire che é molto piacevole, io avevo sempre problemi con le gengive, ma da quando faccio questa pratica , questi problemi sono veramente diminuiti. Io lo posso veramente consigliare. Ma solo a chi piace avere il gusto del cocco in bocca.“ Laura, 34 anni 

Provatelo e mandatemi anche voi le vostre esperienze!